Cox’s Bazar

L’unica località turistica marina del Bangladesh si trova vicino al confine birmano, in una zona in cui si sono stabiliti i profughi rohingya per sfuggire dalle persecuzioni in Myanmar. Ricorda moltissimo la Birmania buddhista e possiede alcune strutture per accogliere i turisti attirati dall’enorme distesa di spiagge non infestate dagli squali. I bagnanti, anche se in tenuta poco appariscente, soprattutto se donne, saranno osservati con curiosità dagli abitanti del posto e dai vacanzieri locali. Le donne del Bangladesh che nuotano (è molto raro vederne) lo fanno indossando un largo ‘shalwa kameez’. A sud del Cox’s Bazar ci sono spiagge meno affollate dove nuotare può essere un’esperienza privata piuttosto che uno spettacolo pubblico. Tra queste, segnaliamo Himacheri Beach e Inani Beach. Tenete presente che di sera le spiagge non sono molto sicure.

Attualmente, la strada che unisce Chittagong al Cox’s Bazar è una delle peggiori del paese ed è ancora incompleta; tuttavia, potete evitarla andando da Dakha a Chittagong e poi da qui prendere un aereo per un breve volo (20 minuti). In alternativa, ci sono autobus diretti che collegano Dhaka a Cox’s Bazar (370 km).